venerdì 16 settembre 2011

Fuoco amico dei giornali di Berlusconi, anche Bossi si merita il trattamento Boffo.

Proprio nei giorni in cui ha inizio la rituale festa dei Popoli ed  il rito dell'ampolla unisce idealmente la Padania leghista, anche Bossi si trova oggetto degli attacchi della stampa amica. Il fuoco alle polveri  lo da Panorama , il periodico Mondadori, propietà Berlusconiana. Uno schizzo di fango qui e uno là, si addice alla ricorrenza della benedizione delle acque del  Po. E Panorama sparla della signora Bossi, per colpire anche il Senatur, perchè questi capisca. Manuela Marrone in Bossi  "la dittatrice della Padania", viene definita "l'anima nera" del partito" , "un'abile burattinaia che preferisce muovere i fili della politica stando dietro il palcoscenico", "matrona,patrona e un po' terrona". Panorama spalma bene il fango, lo getta proprio in profondità, ricorda che fu sua la scelta di affiancare al marito la "badante" Rosi Mauro così come la scelta di Reguzzoni quale capogruppo della Lega.  Anche il  Trota non si salva e non gli sono risparmiate di certo le critiche. Renzo è considerato l'arteficie delle "beghe interne nel Carroccio "per il fatto di esser stato eletto consigliere regionale in Lombardia". Come si vede il fuoco amico colpisce basso, rischiando di spezzare accordi ed amicizie consolidate. Le insinuazioni e gli argomenti sono degni del caso Boffo, che oramai ha fatto scuola, è  diventato metodo di lotta  all'interno di questo centrodestra, sempre più allo sbando, sempre più sfilacciato, o meglio sempre più squalificato.

Nessun commento: