mercoledì 14 settembre 2011

Berlusconi e la rovina dell'Italia

L'opposizione critica la manovra con l'unico desiderio di dare una spallata al governo senza capire che darebbe una spallata all'Italia e con la chiara intenzione di rovinare l'immagine del presidente del Consiglio ma così invece rovina l'Italia" dice il premier, Silvio Berlusconi, dopo l'incontro con il presidente del Consiglio della Ue, Herman Van Rompuy a Bruxelles.

Strana considerazione, come al solito di comodo e sempre fatta per salvare se stesso e non la nazione. Quando si definisce l'Italia "un paese di merda" e questo viene riportato da tutti i giornali, italiani e stranieri, vuol dire che poco ci si interessa dell'immagine del proprio paese.  Inutile comunque sperare in un ravvedimento del Premier. Si può solo contare in un ravvedimento degli italiani, del Parlamento o della Lega.  Berlusconi, oramai lo ha visto anche un cieco, ha danneggiato più di ogni altro l'immagine italiana nel mondo, si è dimostrato incapace a governare , attento solo a tutelare o salvare unicamente se stesso ed i propri interessi. Persino nel suo stesso partito oramai in molti pensano sia giunta l'ora in cui dovrebbe decidersi a fare un passo indietro. Meglio sarebbe per tutti che abbandonasse quel campo in cui decise di scendere con tanta arroganza, quasi una ventina di anni fa.  Va salvato il paese dal baratro ora, e non Berlusconi e la sua immagine o questa maggioranza. Deciderà da solo il Cavaliere ? no di certo, se non riusciremo ad obbligarlo, in modo o nell'altro.


Nessun commento: