martedì 5 luglio 2011

Governo : Manovra Finanziaria ? E' come la giustizia, non è uguale per tutti.

Non c'è niente da fare , ci prendono proprio per fessi o per cretini. La Prova ?  Proprio quelle quattro righe inserite al ventitreesimo comma del trentasettesimo articolo, sotto il genericissimo nome di  "Disposizioni per l’efficienza del sistema giudiziario e la celere definizione delle controversie", spunta un codicillo salvaFininvest  che sembra, e diciamo sembra, che diamine, nessuno in Italia sospetterebbe che il nostro Presidente del Consiglio possa pretendere leggi e trattamenti finaziari costruiti ad personam o ad aziendam. Di certo però è evidente per tutti che con quelle quattro righe al nostro Premier si permetterebbe di non pagare, in caso di condanna anche in appello, la maximulta da 750 milioni di euro a beneficio di Carlo De Benedetti.  Di certo sarà un caso fortuito, che ne so, una piccola norma fatta solo per  i pensionati od i precari, che guarda caso si attaglia anche a Berlusconi. Se sembra costruita apposta su sua misura, se sembra una camicia perfetta, lo è solo casualmente, non ce n'erano le intenzioni, è stato un sarto casuale che ci ha messo le mani.  E' persino un peccato ora che tutti cadano dalle nuvole, anche a Palazzo Chigi. A molti piacerebbe sapere e conoscere il nome di quel fantastico sarto, di quel genio della finanza, di quel fine tessitore. Nulla da fare, bocche cucite e smentite a non finire. Se quindi si taglia su tutti o quasi, di certo sui pensionati  e anche sugli statali qualcuno finalmente ha il suo tornaconto in questa manovra, e che tornaconto, a molti girerebbe la testa, a tanti di certo girano le palle. Chi se ne frega dei precari o dei disoccupati , non fanno reddito o lo danno scarso, e poi tanti lavorano in nero. Per loro nessun codicillo, ma qui con quel codicillo si parla di ben 750 milioni di euro, e non sono bruscolini. Forse ne valgono la pena, forse per quelli ci si può anche perdere la faccia, o la reputazione o la credibilità. Ma tranquilli il nostro Premier  non lo farà, vedrete che quella norma verrà subito cancellata , non appena anche i suoi consiglieri la leggeranno. Lui Berlusconi è lì al Governo, non per  suo interesse, ma per il bene degli Italiani. Tra l'altro non è ancora passata una settimana da che in molti in casa sua hanno dichiarato che il Pdl deve diventare il partito degli onesti. Quale occasione migliore di questa per cominciare, per non dare brutte impressioni, per far capire che i sacrifici devono essere ripartiti  tra tutti, anche tra i più ricchi, anche tra i ministri e perchè no anche per il Presidente del Consiglio. Abbiano fiducia gli italiani, anche se a volte vacilla, anche se sempre più spesso il nostro Premier scivola su bucce di banana che si getta da solo davanti ai piedi, anche se spesso dà l'impressione di  "tentarla", come dire se va bene è fatta, alla faccia di chi mi vuol male. Ancora una volta spunteranno i comunisti che criticheranno, che fomentaranno  l'odio sociale e parleranno di disparità, e poi arriveranno le toghe rosse, ma in fondo qui si tratta solo di 750 milioni di euro, a fronte di una manovra complessiva di  più di 40 miliardi, che mai potranno dire, o provare ?  Smettiamola di pensare male, ora che non c'è più nemmeno Alfano a costruire e volere leggi su misura per il Premier. Decidiamoci una buona volta a lasciarlo lavorare in pace, possibile non si riesca vedere come lavora sempre per noi e per il paese, trascurando persino la famiglia ed i suoi interessi ?


Nessun commento: