martedì 17 maggio 2011

Amministrative: Vincitori e vinti.

Forse sarà anche vero che non si è capito bene chi abbia vinto queste elezioni ma è certo chiaro chi ha perso. Berlusconi ha voluto che queste elezioni avessero una chiara valenza politica e si è presentato come capolista a Milano, ora il responso è chiarissimo. Il Cavaliere ha perso, e la Lega che sperava in una buona affermazione anche a scapito del Pdl, è in netto calo. A Milano poi è andato in crisi proprio il Berlusconismo, si è sgonfiato al pari di una bolla speculativa, proprio nelle città in cui è nato e cresciuto e da dove pensava di espandersi nel resto del paese. Ora è chiaro per tutti che il Pdl non può governare, nè vincere le elezioni , senza Casini e Fini. Purtroppo per il premier  , i centristi , non sembrano per nulla disposti ad entrare nell'attuale maggioranza con un Berlusconi bis. Se è sinistra il vero vincitore di queste elezioni è l'Ulivo , e non il Pd che pure aumenta i consensi, a destra è proprio in crisi l'attuale maggioranza voluta da Berlusconi. La strada di un governo Tremonti, vagheggiato a più riprese nel corso della legislatura, ma mai concretizzatosi seriamente, si è di colpo spalancata e riaperta. Paradossalmente sembrava in crisi anche il sistema maggioritario ma non è così. Pur nella parcellizzazzione dei partiti tutto spinge per aggregazioni più ampie , sia a sinistra che a destra.  Ora però , mentre le opposizioni cantano vittoria, a destra tocca alla Lega abbassare il sipario , è evidente che non può continuare a perdere e e rimanere cocciutamente con chi perde. L'unica strada possibile per salvare il centrodestra , dopo questi risultati , è quella di un governo di fine legislatura , senza Berlusconi, che punti a una ricostituzione dell’originaria maggioranza di centrodestra, con Casini e Fini. Ma le strade possibili saranno poi anche probabili e praticabili ? Lo vorrà davvero le Lega e lo accetterà Berlusconi ? Volenti o nolenti oltre questo c'è un continuo logoramento ed il nulla.

1 commento:

Linea Gotica ha detto...

è sicuramente un voto contro berlusconi, non certo un voto programmatico per il pd. se anche solo lo pensano, siamo daccapo. significa che ancora non hanno capito nulla di questi ultimi 17 anni