lunedì 4 ottobre 2010

Quali regole per il web.

"Sono necessarie regole mondiali per la navigazione in Internet.  Lo ribadisce , dal Cairo il nostro garante dell'authority per la privacy Francesco Pizzetti.
In gioco - ha spiegato - c'e' la garanzia al tempo stesso della privacy e della liberta' di informazione e di comunicazione visto lo sviluppo sempre piu' rapido dei social networks. 'E' molto importante avere delle regole in questo settore cosi' come bisognerebbe superare l'idea che e' il mercato che si da' le regole da solo', ha spiegato il garante."
Facile essere in linea di principio in perfetto accordo on Pizzetti. Ma è altrettanto facile immaginare che le regole mondiali a cui pensano paesei come la Cina e l'Iran, solo per farne i più evidenti esempi, sono ben diverse da quelle che ci si auspica in occidente.
Tra l'altro, non è che l'Italia, in materia , brilli per lungimiranza e sensatezza.
Le varie proproste di legge che nel tempo si sono succedute hanno spesso avuto come unico principio quello di legittimare un pesante controllo del web da parte dell'autorità, mentre la rete è stata spesso immaginata ( e non poteva essere altrimenti) come una gigantesca "televisione" da sfruttare commercialmente.
Forse è vero che è giunto il momento di superare l'idea che il mercato si possa dare regole da solo, ma è altrettanto vero che  fino ad ora il mercato ha saputo svolgere il suo ruolo, dandosi regole migliori di quanto si potesse immaginare.
La libertà assoluta e totale è certamente la grandezza ma anche il limite di internet.
Dare regole alla libertà su questa materia può sembrare difficile, quasi una contraddizione.
Puttuttavia alcune regole vanno date, proprio per difenderla per tutti.
Ben vengano quindi "nuove" regole per la privacy,  purchè queste non siano l'ultima scusa per meglio controllare la Rete e purchè alla fine viga sempre un principio, quello della assuluta libertà di informazione e di comunicazione.
Gli Stati Uniti in questo campo insegnano, ed hanno forse idee più chiare di quanto non avvenga in Europa ed in buona parte del resto del mondo.

Nessun commento: