venerdì 22 ottobre 2010

Alfano l'ostinato, vuole un "Lodo" che Berlusconi non ha mai chiesto.

Nessuno è profeta in patria, il detto comincia a valere anche per Berlusconi .
Ecco forse spiegato il motivo per cui il nostro Premier  ora le interviste le rilascia all'estero.
Così facendo, è evidente, è meno facile essere contraddetti e poi , vista la distanza, si possono dire cose che in Italia strapperebbero a tanti risate a crepapelle. Trasformerebbero, a volte, anche i sorrisi più compassati, che vi potrebbero cogliere l'ennesima battuta del Premier.
In un'intervista al Frankfurter Allgemeine Zeitung il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi se la prende ancora una volta, e viene istintivo aggiungere come sempre , con  i giudici, che, sostiene, lo attaccano,  "abusando dei loro poteri  per motivi di lotta politica".
Poi - incalza il Premier  -  "Attualmente i giornali parlano di nuovi processi per evasione fiscale e corruzione. La verità è completamente diversa da quella proclamata dalla stampa di sinistra". Noi in patria lo sospettavamo, ora lo hanno sanno anche i tedeschi.
Ma è quando l'intervistatore osserva  che in Italia "C'è tuttavia anche un dibattito su leggi ad personam a suo favore" che il Premier dà il meglio di sè e replica: "Non sono io che le ho chieste. Sono i miei alleati che se ne fanno promotori a mio favore, ricorrendo agli strumenti legali della democrazia".
Ma allora ci si chiede, visto che la gran part dei cittadini italiani, secondo i sondaggi, sono contrari a qualsiasi legge ad personam, visto che i Finiani si trovano in difficltà tutte le volte che ne parlano, visto che l'opposizione le vede come il fumo negli occhi , visto che esiste in tantissimi il fondato dubbio che sia incostituzionale, perchè mai il Ministro Alfano continua ad intestardirsi a volerla fare approvare ad ogni costo ?
E sopratutto Berlusconi , invece di dire in Germania che lui non ha mai chiesto "leggi ad personam" , parli chiaro qui in italia, lo dica apertamente che non vuole alcuna legge in tal senso e vedrà che prima o poi capirà anche il testardo Alfano.
A parlar chiaro ci si guadagna sempre , e tra l'al'tro in questo caso ci guadagneremmo tutti.
Conoscendo però il Premier e la sua abitudine di smentire oggi quello che ha detto ieri, o meglio di correggere oggi quello che la stampa ha male interpretato ieri, aspettiamo in merito una sua chiara e puntuale, se possibile, precisazione.
Ci dica in fondo Berlusconi se lui vuole o meno quel Lodo Alfano, diventato un'ossessione , per proteggersi dai processi e dalla giustizia, o se anche lui  e finalmente , in terra tedesca, si è convinto che in ogni grande democrazia tutti sono uguali di fronte alla legge.  

Nessun commento: