martedì 27 luglio 2010

Il Verdini banchiere smentisce il politico.

In apparenza è del tutto incomprensibile ai più il  fatto che Denis Verdini abbia deciso di dimettersi da Presidente della Banca  di Credito Cooperativo Fiorentino, e nel contempo non abbia lasciato anche l'incarico politico di Coordinatore del Pdl.
Anche la presunzione di innocenza da sola non basta a fornirne una spiegazione.
L'incongruenza del comportamento , credo possa avere due sole motivazioni , o Verdini teme , abbandonando ogni incarico politico, di rimanere senza "copertura e difesa," proprio nel momento in cui queste potrebbero rendersi maggiormente necessarie, o si considerano più importanti gli affari e gli interessi, oltre alla reputazione in questi, che il rispetto dovuto alla politica ed agli elettori.
Qualunque sia la motivazione, la discrepanza nel comportamento è evidente ; senz'altro non è giustificabile , e ad essere sinceri è  proprio irrispettoso e del tutto  esecrabile.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Ormai non ce più nulla e finita tra poco in particolare in settembre ci sarà in italia l'ira più feroce del passato ove faranno piangere non solo berlusca anche i suoi seguaci lo faranno senza pietà quindi preparatevi prima tutti quei pappagalli che scrivono mingiate contro chi non si sà certo non siamo noi,noi non siamo ne di destra ne di sinistra siamo solo gente incazzata che vi accorgerete a settembre possibilmente 11 tuona bene prima ad arcore poi altrove vi faremp cacare sangue.