mercoledì 30 giugno 2010

In un paese normale

Un paese normale un parlamentare condannato a sette anni di reclusione da un tribunale rassegna le sue dimissioni.
In un paese normale in cui lo stato combatte seriamente la "mafia" e la criminalità, personaggi come Falcone e Borsellino, che hanno dato la vita per la giustizia e per lo Stato, sono da tutii riconosciuti come eroi.
In un paese normale uno stalliere di Arcore, che è stato legato a vario titolo alla mafia, non può , da nessuno, essere dichiarato un eroe.
In un paese normale un Presidente del Consiglio che ha tra i suoi migliori amici e collaboratori, persone come Previti e Dell'Utri , condannate a più anni di reclusione per vari reati, siatene certi , avrebbe già rassegnato le sue dimissioni.

in riferimento a: Dell'Utri: "I miei giudici, onesti ma senza coraggio" - LASTAMPA.it (visualizza su Google Sidewiki)

Nessun commento: