giovedì 8 aprile 2010

Se è giusto il "Legittimo impediment"o per i ministri "impediti", perchè non estenderlo anche a medici e sacerdoti.

Giorgio Napolitano , apponendo la sua firma,  ha promulgato il disegno di legge che prevede lo scudo processuale di 18 mesi per il presidente del Consiglio e per i ministri.
Il provvedimento era stato approvato dal Senato il 10 marzo scorso ed entrerà così in vigore con la sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.
La Corte Costituzionale aveva già riconosciuto , con la sentenza n. 24 del 2004,  l'«apprezzabile interesse» ad assicurare «il sereno svolgimento di rilevanti funzioni istituzionali".
In parole povere, ora,al nostro presidente del Consiglio ed ai nostri Ministri "impediti", sarà assicurato per legge uno scudo processuale di 18 mesi.
Il tempo, come si sa, per i nostri Governanti è come l'oro , e va misurato per gli affari pubblici, a volte se ne trova per i divertimenti o per qualche festino, ma si sa, sono uomini in fondo, e anche "uomini veri".
Il leggittimo impedimento naturalmente vale solo quando il Premier ed i Ministri siano inquisiti , non quando sono parte lesa, perchè in questo secondo caso sono certi di riuscire a trovare tutto il tempo che vogliono, nonostante gli imedimenti..
Con buona pace del Parlamento e del Premier , viene alla fine sancito il principio che qualcuno è diverso davanti alla legge , che qualcuno ha più "ragioni" e diritti degli altri.
Chissà che non sia possibile in avvenire estendere la legge anche ai chirurghi od ai medici , così questi , invece di perdere tempo per recarsi in tribunale potranno dedicarsi con impegno a salvare vite umane.
E poi magari , perchè non estenderla anche ai vescovi ed ai sacerdote, poco importa se anche pedofili , che così si potranno dedicare, senza impedimento alcuno, alla salvezze delle anime.
Ma tranquilli, se fino ad ora vi siete scandalizzati, aspettate ancora un po' e poi si riparlerà di nuovo di " Lodo Alfano", non abbiate fretta, questa è solo un anticipo, un piccolo antipasto, poi arriva il resto.

1 commento:

storico ha detto...

Il presidente della Repubblica non valuta la costituzionalità delle leggi ( quella è la competenza della Corte Costituzionale) ma la loro opportunità e manifesta incostituzionalità
cmq probabilmente è un provvedimento incostituzionale. deciderà la Consulta

Napolitano promulga il legittimo impedimento. Attentato alla Costituzione o riconoscimento delle ragioni di Berlusconi?