giovedì 11 marzo 2010

Un paese che va sempre più a puttane.

E' il sesso , oltre naturalmente alla corruzione, che la fa da padrone nella vasta inchiesta sul G8 della Maddalena, sui "Grandi eventi" e sulla Scuola dei marescialli di Firenze.
I dettagli come si vede sono sempre più piccanti e pruriginosi.
In quel grande calderone , vasto quanto gli interventi effettuati, è ora finito un giro di escort d'alto bordo che sembra quasi un plotone di un più grande esercito.
A detta degli inquirenti , e come riportato dai giornali, le squillo, perchè di questo si tratta, venivano utilizzate "come "tangenti sessuali", e venivano offerte da imprenditori e costruttori alla "cricca" che gestiva gli appalti. Tra questi figurano funzionari pubblici arrestati nell'ambito dell'inchiesta e un vasto sottobosco politico che ci si doveva ingraziare al fine dell'ottenimento dei lavori.
Per lo più le escort venivano reclutate tra le italiane, ma non si arricciava il naso nemmeno se erano extracomunitarie , russe, centroamericane, cubane, brasiliane  e , per gusti particolari anche qualche uomo di colore.
Il tariffario oscillava tra i 500 ei 700 euro a incontro. Sembra che Diego Anemone in tal senso abbia speso una fortuna, ma forse si trattava semplicemente di un investimento per ben più grandi rendimenti ed interessi.
Aleggia sempre più un vago senso di "postribolo" sui nostri uomini pubblici, una fama meritata e guadagnata sul campo, attraverso le variegate ed inquietanti inchieste che hanno coinvolto anche il nostro Presidente del Consiglio.
Ci si sta forse assuefacendo un po anche al clima generale, al rilassamento dei costumi, in fondo si dice siamo tutti uomini e la "carne" vuole la sua parte; e poi i desideri crescono , a dismisura, di pari passo con il potere, non ci si può accontentare.
Uomini si nasce si diceva , puttanieri abbiamo visto lo si diventa, per vocazione, per desiderio , ora anche per interesse economico e politico , come si vede.
Certo colpa ancora una volta delle intercettazzioni , che svelano aspetti della nostra vita pubblica che qualcuno  preferirebbe tenere segreti e poi delle consuetudini. Forse si dovrebbe cercare di avere più moralità, e anche onestà, e perseguire invece che il personale piacere ed interesse , semplicemente quello pubblico.
Sia quel che sia non lamentiamoci comunque se per ora, e per colpa di questi, l'immagine pubblica che se ne esce di  questa nostra povera Italia , non è solo quella figurata di un paese allo sbando, ma è proprio quella, reale e concreta , di  un paese che se ne stà andando sempre più, e non metaforicamente, a puttane, giorno dopo giorno, appalto dopo appalto, grande opera dopo grande opera.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Se va a puttane direi poco male, lo scandaloso è quando va a trans...