venerdì 27 novembre 2009

Capezzone una gran bella faccia di.....


Ma ve lo godete almeno Capezzone quando, con aria da notabile o di persone seria, cerca di convincere gli italiani della bontà e dell'onesta delle azioni di Berlusconi e del Governo ?
Se non lo conoscessimo potremmo persino riuscire a credere i suoi ragionamenti.
Putroppo lo abbiamo sentito anche quando , da radicale, pretendeva di insegnarci a difendere , naturalmente votandolo, i nostri diritti.
Ora non sembra minimante preoccuparlo il fatto che , per la sua posizione di "portavoce", si trovi costretto a difendere le scelte del Governo per il blocco della commercializzazione della pillola antiabortiva, in barba ai diriti delle donne, o se, con la stessa serietà di una volta pretenda di convincerci che in fondo era giusto fosse lo stato o Sacconi a decidere se Eluana avesse il diritto o meno di rinunciare ad una vita orrenda che non si augurerebbe nemmeno al peggior nemico.
Certo , direte, Capezzone deve pure lavorare e guadagnarsi la sua pagnotta come meglio gli riesce, ma vederlo sostenere con natualezza,  come fa spesso, che Berlusconi è un perseguitato , che deve essere messo in grado di governare perchè è stato eletto dal popolo , che i magistrati o la legge sono un qualche cosa di losco o di sbagliato e che vanno per questo messi in condizione di non nuocere al premier, che Cosentino , accusato di mafia, deve rimanere giustamente al suo posto, non offende soltanto lo stato, ma anche la nostra intelligenza , l'onestà e la ragione.
Non è che meraviglino i suoi cambiamenti o la scarsa coerenza dimostrata, giustificando oggi quello che avrebbe aspramente criticato o cambattuto ieri.
No, quello che davvero meraviglia e fa specie, è proprio la sua faccia tosta, le "capriole" verbali e alle panzane che è costretto a ripetere, al solo scopo di salvarsi , non solo lo stipendio, ma anche il culo.