venerdì 20 giugno 2008

Bossi "avvisa" il Governo.

Ieri per ben due volte il Governo è stato battuto alla camera sui rifiuti.
Sarà anche un fatto da minimizzare, come dice la maggioranza di governo, ma a me pare comunque un segnale chiaro e preciso che la Lega manda agli alleati.
Non è un caso, non è stata una disattenzione, era ed è un avviso politico, chiaro e preciso.
Neanche interessano, più di tanto, i motivi specifici o gli emendamenti, quello che conta è il principio, il messaggio, il concetto.
E' lo stesso Bossi che spiega, alla sua maniera, il fatto : "Abbiamo voluto mandare un segnale, per dire a tutti di mantenere la calma" e di "stare più attenti". La calma non è una cosa piatta, è fatta di alti e bassi, è una somma algebrica...".
Insomma, di fronte a comportamenti degli alleati che la Lega non condivide, bisogna mettere in atto una reazione, poi, se capiscono tutto può tornare come prima.
In particolare poi, Bossi spiega così la posizione della Lega: "Le risorse alla Campania devono essere un prestito, non essere a fondo perduto".
"Volevamo che passasse questo principio: non è stato un voto contro il governo, ma così tutti stanno più attenti".
Se qualcuno pensava di poter decidere qualche cosa, contraria la Lega, ebbene ora tutti dovrebbero aver capito o, quantomeno ricordato chi è che comanda e decide davvero.
Governo avvisato, mezzo salvato.

1 commento:

Franca ha detto...

La Lega nei confronti del Governo vanta un grosso credito.
E normale che ogni tanto voglia riscuotere3...