sabato 17 maggio 2008

Pistorius si merita di vincere, ma Pistorius ha già vinto.

Oscar Pistorius ce l'ha fatta. Ora può, finalmente, correre e gareggiare. Non posso che esserne felice , in fondo è quello che ho sempre sperato.
Quello che però conta davvero è che ora finalmente lui possa "rincorrere il suo sogno".
E questo suo sogno, non ci sono dubbi, è sempre volato altissimo; anche a dispetto di chi non è mai riuscito a considerare "l'uomo" più importante di qualsiasi "macchina".
Esistono al mondo "protesi" naturali che possono riuscire a far volare più in alto di tutti chi riesce a dotarsene, questi strani "attrezzi" non sono costruibili in laboratorio, non sono un'espansione del corpo umano, semplicemente sono dentro, lo muovono dall'interno, ma sono sufficienti a volte a "smuovere" il mondo.
Essi sono la volontà, il sacrificio, la dedizione, l'orgoglio ed il coraggio.
Pistorius doveva essere giudicato per queste "protesi", queste sole riescono a farlo "correre" così veloce anche senza gambe, non sicuramente le protesi Ossur Cheetah Flex-Foot in carbonio.
Queste da sole non servirebbero proprio a nulla.
E allora auguri Pistorius, auguri di cuore.
Qualunque saranno poi in gara i risultati, tu hai già vinto; la tua "gara" con la vita ti ha già fatto guadagnare la medaglia d'oro, sei già un campione, non c'è bisogno di ulteriori dimostrazioni, di altre prove.
Tu hai saputo far grande quella che è la parte migliore di ogni uomo, non le sue "scarpe", ma la sua volontà, la sua determinazione, la sua ragione ed i suoi sogni.
E noi Pistorius vogliamo sognare con te.

1 commento:

Franca ha detto...

Come sai io non ero favorevolissima alla sua partecipazione (se è vero che le protesi gli arrecano un vantaggio), ma gli auguri glieli faccio di cuore...