giovedì 22 maggio 2008

Le "nuove tasse" che sostituiranno l'Ici.

E' sicuramente un dato certo, oramai in Italia non esiste una sola amministrazione comunale con un bilancio in attivo.
Spesso le casse sono vuote, dentro ci sono solo debiti, che tra l'altro hanno raggiunto cifre preoccupanti.
Gli espedienti per sopperire alle necessità sono molteplici.
Un solo metodo si è, per ora, dimostrato imbattibile ed infallibile, sono le contravvenzioni ai cittadini, la nuova e moderna tassa.
Nessuno se ne accorge, se non quando gli "tocca" e quando si deve pagare.
E' un nuovo balzello che ha sostituito i vecchi, tra l'altro con meno evasione, perchè alla fine tutti sono costretti a pagare.
Ecco allora nei vari capoluogo italiani uno stuolo di vigli urbani che eroga giornalmente più di 26 mila contravvenzioni, 1.087 l'ora, 18 al minuto.
E' una montagna di soldi, dice l'Aci, che costa la bellezza di più di un miliardo di euro l'anno agli oltre 8 milioni di patentati.
In media, circa 130 euro di esborso per ogni automobilista "indisciplinato"".
Ogni vigile urbano fa di media 520 multe l'anno, i cui proventi, finiscono per triplicare le addizionali Irpef, contribuendo, così, sottolineano dall'Aci, a rafforzare l'immagine distorta delle polizie locali, come corpi impegnati unicamente nel "far cassa"".
E allora Signori Sindaci avanti così a tutto spiano, avanti con la creazione di divieti di sosta, di divieti di accesso, di zone a traffico limitato, di strisce blu, di rallentamenti, così forse riuscirete a sopperire ai mancati introiti derivanti ora anche dalla soppressione dell'Ici. Vengano dalla casa gli introiti o vengano dalle auto, poco importa, l'importante è che arrivino.
Tanto si sa queste sono contravvenzioni, le paga solo chi "delinque", e chi se ne frega, ben gli sta, così gli italiani impareranno ad essere più disciplinati e rispettosi delle leggi.
In fondo se ci si pensa bene basterebbe poco per essere a posto ed essere così esonerati dal pagamento di questa "tassa", basterebbe rimanersene a casa.

4 commenti:

[ral] ha detto...

E infatti, qua a Crema (giunta di CentroDestra) avevan già cominciato da tempo a pittar di blu tutti i parcheggi.

BC. Bruno Carioli ha detto...

Più multe, più vigili in giro e quindi più sicurezza.
Evviva. ;-)

Franca ha detto...

Le cose non stanno esattamente come descritto.
In primo luogo i Comuni devono chiudere i propri bilanci in pareggio. Non in attivo perchè non sono imprese e non in passivo perchè altrimenti vengono commissariati.
In secondo luogo, i fondi prevenienti dalle sanzioni al codice della strada sono per larga parte vincolati al servizio quindi vanno reinvestiti nel servizio stesso.
In terzo luogo, chi sbaglia deve pagare (non siamo per la certezza della pena?) quindi se uno si è beccato una multa evidentemente ha violato qualche norma.
Allora che paghi la relativa sanzione...

mauchi ha detto...

Come contromossa all'abolizione dell'ICI i comuni chiederanno sicuramente la ritaratura di tutti gli autovelox.