venerdì 9 maggio 2008

Calderoli : ovvero anche i coccodrilli piangono....

Si confessa il neo-ministro alla Semplificazione, che sta per ora correndo il rischio di "complicare" i rapporti con il mondo Arabo e con la Libia.
Dopo gli orpelli e le scemenze ecco quindi le lacrime ed il pentimento.
Narra un vecchio proverbio che i coccodrilli, dopo un lauto pranzo, abbiano l'abitudine di versare copiose lacrime, non per le vittime, ma a causa di una difficile digestione.
Sono queste lacrime inutili, nel senso che prima o poi, questi "animali", devono ritornare a mangiare, ripetendo così all'infinito anche il loro inutile rito del pianto, condannati a questo dalla loro stessa natura.
Il neo-ministro alla Semplificazione (simpatica la trovata che conferma lo spirito di Berlusconi), cercando di far digerire al mondo le sue sciocche bravate afferma oggi, con contrizione, di essere "pentito di aver indossato la maglietta anti-Islam. Spero sia un incidente chiuso. Era un messaggio di pace e di avvicinamento tra le religioni. Per me è una vicenda del passato che spero sia considerata un incidente chiuso".
Per chi non avesse ancora capito Calderoli sta digerendo.
Vorremmo solo consigliargli, almeno per il futuro, di digerire in silenzio.
Calderoli eviterebbe così di creare ulteriori problemi al paese, ma sopratutto, darebbe lustro e rinnovato smalto ad altri proverbi, che considerano il silenzio sempre d'oro o come un metodo infallibile per poter essere, a volte, giudicati intelligenti.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

spiegami una cosa :
allora le vignette non dovevano essere messe in circolazione.
il governo danese doveva consegnare il disegnatore ai paesi arabi (così magari lo linciavano)
una persona non aveva il diritto di dire quello che pensava sulla questione.
e un dittatore arabo può ,anzi ,deve ordinare agli italiani chi deve far parte del loro governo o no.
se vuoi dire questo , dillo.
caposkaw
www.caffenero.ilcannocchiale.it

ivan ha detto...

caffenero: proprio non volevo dire quello, rileggiti un po' quello che ho scritto al riguardo su entrambi i casi prima di accusare.
Certo che il Calderoli che chiede perdono agli arabi per le sue sciocchezze mai mi sarei sognato di vederlo. E' solo patetico....

Anonimo ha detto...

ma sono sicuro che se li avesse mandati a vaffallah tu lo avresti accusato di avvelenare il clima.
caposkaw

Libera-mente ha detto...

Ma secondo te, è questo il senso del Ministero della Semplificazione? la banalizzazione degli eventi?