giovedì 3 aprile 2008

Un mendicante dà fastidio, ti fa pensare.

Dopo la nuova ordinanza dell' Assessore Cioni, a Firenze è diventata ancora più dura la vita dei mendicanti.
"Mai più accattoni distesi sui marciapiedi", aveva detto due giorni fa l'assessore. Dalle parole ai fatti.
Lo stesso era accaduto in precedenza con i lavavetro.
E purtroppo, lavavetro e mendicanti, sono categorie poco protette, peggio dei precari, impossibile per loro lo sciopero, impossibili manifestazioni.
Un povero giornalista, alla ricerca di emozioni, per un giorno ha provato a mescolarsi con gli accattoni chiedendo l'elemosina agli angoli delle strade.
Si è così accorto che questa vita è ancora più grama di quanto descritto o pensato, si raccoglie tanta "indifferenza" e pochi spiccioli, solo due euro e 45 centesimi sono stato il magro bottino di una giornata.
Ma non c'è da pretendere in questi tempi, la povertà fa paura a tanti, fa paura perchè ti ricorda il declino del nostro mondo, fa paura perchè ti trasmetta tutto il senso dell'incertezza e della caducità della vita.
I mendicanti commuovono e inteneriscono il cuore solo quando sono immortalati nei giornali, in bellissime e suggestive fotografie.
Si sopportano però solo a distanza, quando vivono lontano, magari nel terzo mondo.
Sono utili e folcloristici solo a Natale quando ti danno l'opportunità di sentirti generoso e buono.
Agli angoli delle strade infastidiscono, deturpano il paesaggio, ma sopratutto ti ricordano in ogni momento le incertezze di un mondo che non ha riconoscenza né generosità.
Sporcano in genere più e peggio dei cani, questi almeno sono un simbolo di opulenza e di ricchezza.
E allora togliamo i mendicanti e gli accattoni dalle nostre strade, cacciamolo dai marciapiedi, via dai sagrati e dalle piazze, sono così belle senza.
Poi troveremo anche chi ci dirà, forse per tacitarsi la coscienza, che così avremo risolto anche il problema del racket e dello sfruttamento.
Avremmo poi anche l'opportunità di vedere, come per miracolo, sparire la povertà dalle nostre città e dal mondo. Ci basta almeno l'illusione.
Si risolve un problema anche non pensandoci, evitandolo, girando lo sguardo da un'altra parte.
E' quanto si sta facendo a Firenze, resta da chiedersi se tutto questo ci farà sentire meglio, se alla fine saremo tutti migliori o peggiori.
Io ho solo un grande dubbio, quasi una certezza, ed è che alla fine saremo tutti un po' più poveri, anche di sentimenti.

5 commenti:

Franca ha detto...

Se non cosa non la vediamo possiamo illuderci che non esista...
Ma oggi è il tempo degli slogan: Yes, we can...

Truman ha detto...

Chi ha girato il mondo sa che solo sotto i regimi totalitari non ci sono mendicanti.

Quindi l'ordinanza ha almeno il valore di far capire dove siamo arrivati con gli scivolamenti progressivi della sinistra verso il liberismo.

LaClau ha detto...

Ivan, esta realidad la vivimos en todos los países y es igual de frustrante y dolorosa. Yo les llamo los seres invisibles, pues la mayor parte de la gente camina a su lado sin ni siquiera mirarlos.... es tanto el malestar y la culpa que lo mejor es voltear la cara.
Tienes razón, acabaremos TODOS, siendo infinitamente más pobres de corazón.
Un abrazo desde México.

Ivan, viviammo questa realtà in tutti i paesi e sintiamo uguale la frustrazione e il dolore. Denomino gli esseri invisibili a loro, perché la maggior parte della gente camminano al suo lato senza guardargli ….è tanto il malaise ed il difetto che la cosa migliore è di girare intorno alla faccia.
Siete di destra, noi rifinirete TUTTI, essendo uomini infinitamente più poveri di cuore.
Un hug dal Messico.

(Il mio italiano é terribile!!)

LaClau ha detto...

Capisci un puo di spagnolo? Mi hai detto nel mio blogg che si, ma proveró a scribbere tutto chi possa in italiano.

ivan ha detto...

si capisco un po' lo spagnolo non preoccuparti , ma è meglio il tuo italiano del mio spagnolo.